orgasmo prostatico

Orgasmo prostatico. Cos’è e come averne uno?

Tabella dei contenuti


    Il termine “Super-O” è spesso utilizzato dalla comunità di utenti online per riferirsi agli orgasmi migliori indotti dalla stimolazione della prostata. La pratica di stimolare la prostata maschile è stata a lungo associata con pratiche omosessuali. Tuttavia, negli ultimi decenni, questo comportamento è diventato più comune tra gli uomini eterosessuali, e numerosi siti internet e forum di discussione hanno iniziato a concentrarsi su questa pratica sessuale. Inoltre, i massaggiatori per la prostata consentono agli uomini di stimolare la propria prostata attraverso il retto, e questi prodotti sono diventati sempre più popolari negli ultimi anni.

    Cos’è la prostata e dove si trova?

    La prostata umana è un organo piccolo quanto una noce presente solo negli individui di sesso maschile. È situata davanti al retto e sotto la vescica, circondando il collo di quest’ultima. L’organo non è visibile, ma può essere valutato attraverso il retto, ad esempio, durante uno screening per il cancro alla prostata. Essa è densamente innervata da diversi tipi di nervo, principalmente nervi ipogastrici e pelvici. 

    Contrariamente a quanto si crede, quest’organo svolge una varietà di funzioni, come ad esempio:

    • Partecipa alle caratteristiche riproduttive dell’eiaculato maschile, quindi ha funzione procreativa: la prostata svolge un ruolo nel processo di eiaculazione e quindi nella trasmissione dello sperma maschile nei genitali femminili, proprietà che condiziona la funzione procreativa.  
    • È coinvolta nell’estasi dell’orgasmo: gli esperti hanno studiato il coinvolgimento della prostata nel piacere sessuale maschile e hanno concluso che è senza dubbio una zona erogena che molti sottovalutano. 
    • Ha funzione endocrina: alcuni scienziati hanno ipotizzato che quest’organo funzioni come componente del sistema endocrino. Infatti, la prostata è una ghiandola che secerne forti precursori ormonali, fondamentali per la sintesi di ormoni come il precursore del testosterone. È stato dimostrato che ha un impatto sui livelli di potenti androgeni sia a livello locale che in tutto il corpo.  

    Qual è il punto G maschile e dove si trova?

    Il punto G è una zona sensibile presente nelle femmine che può essere percepita attraverso la parete anteriore della vagina (lato dell’ombelico) circa a metà strada tra l’osso pubico e la cervice (lungo il corso dell’uretra). Molti uomini tendono a stimolare la propria prostata, che può provocare un orgasmo associato a una sensazione forte che si può comparare a quella che le donne descrivono quando parlano dell’orgasmo ottenuto dalla stimolazione del punto G. Gli esperti hanno quindi proposto il termine “punto G maschile”, dato che questa regione della parete rettale assomiglia al “punto G” femminile in quanto produce sensazioni simili quando viene stimolata. Nonostante sia tecnicamente errato, il termine “punto G maschile” viene usato frequentemente.

    Cosa si prova durante un orgasmo prostatico? È diverso da un orgasmo del pene?

    Quando la prostata viene stimolata, alcuni uomini hanno riportato di aver sperimentato orgasmi più “profondi”, più totali ed intensi, più duraturi e accompagnati da sensazioni di estasi più forti rispetto a quelli indotti dalla sola stimolazione del pene. Queste descrizioni orgasmiche ricordano le esperienze descritte dalle donne riguardo alla stimolazione della cervice e dell’utero. Questa similarità nelle descrizioni delle sensazioni dell’orgasmo possono essere spiegate dal fatto che i nervi che trasmettono gli input sensoriali dalla cervice e dall’utero nelle donne, e dalla ghiandola prostatica negli uomini, sono le stesse: i nervi ipogastrici. In altre parole, la stimolazione della cervice o dell’utero nelle donne e della prostata negli uomini attivano entrambe gli stessi nervi e quindi possono risultare nello stesso tipo di sensazione. 

    È interessante il fatto che gli esperti abbiano dimostrato che un singolo individuo può avere questi orgasmi ripetutamente, al contrario di altri tipi di orgasmo. 

    Cosa accade durante un orgasmo prostatico?

    Durante o poco prima dell’orgasmo prostatico avvengono una serie di cose/cambiamenti.  Questi includono:

    • Erezione: alcune persone hanno erezioni durante la stimolazione della prostata mentre altre no.
    • Eiaculazione: la stimolazione della prostata durante il sesso anale può portare all’eiaculazione per alcuni uomini. Secondo gli specialisti, gli orgasmi ottenuti dal massaggio prostatico sono “orgasmi riflessivi di tipo emissivo”, il che significa che a volte includono un flusso di sperma dal pene (eiaculazione).
    • Sensazione di tremore: alcune persone hanno dichiarato di aver sperimentato attacchi intensi di scosse o brividi prima che si verificassero gli orgasmi.  

    Come avere un orgasmo prostatico?

    Per ottenere questo tipo di orgasmo è importante sapere come stimolare la prostata. Quest’ultima può essere stimolata sessualmente attraverso il retto. Alcune persone preferiscono la stimolazione manuale o l’utilizzo di sex toys durante la masturbazione o durante i preliminari con il partner, mentre altri prediligono il sesso anale in cui è il pene o lo strap-on a stimolare la prostata. Ci sono diverse precauzioni e linee guida da seguire se si vuole ottenere una stimolazione prostatica appropriata ed evitare dolore o trasmissione di malattie, come ad esempio:

    • Comunicazione e consenso: prima di impegnarsi in attività sessuali di coppia è fondamentale tenere conto le convinzioni e il livello di comfort del partner. Mentre alcune persone apprezzano e accolgono questo tipo di stimolazione, altre non lo fanno.  Perciò, è importante comunicare bene con il/i partner, poiché nessuno dovrebbe venire forzato o pressato ad avere questo genere di attività sessuale.
    • Uso del preservativo: alcuni preservativi sono fatti specificatamente per il sesso anale e sono più resistenti rispetto a quelli normali. Infatti, le malattie sessualmente trasmissibili (MST) possono diffondersi attraverso il sesso anale, perciò è estremamente importante usare questi preservativi per evitare tali problemi e godersi una stimolazione della prostata in sicurezza.
    • Uso del lubrificante: poiché il retto rilascia poca lubrificazione naturale, potrebbero essere necessarie considerevoli quantità di lubrificante per minimizzare il dolore e le ferite durante la stimolazione della prostata attraverso la penetrazione con i sex toys e con il pene.
    • Iniziare lentamente ed avanzare gradualmente: per evitare di farsi male, è consigliabile iniziare con cautela massaggiando la zona anale, poi inserire le dita nell’ano e andare avanti progressivamente.
    • Rilassarsi e prendersi tempo: alcune persone che praticano la stimolazione della prostata hanno riportato che questa procedura richiede un buon periodo di tempo (almeno 30 minuti) per raggiungere il tanto desiderato orgasmo prostatico.  

    Le donne trans possono avere un orgasmo prostatico? Gli uomini trans possono comunque avere orgasmi prostatici dopo l’intervento di affermazione di genere?

    Secondo la dottoressa Christine McGinn, chirurgo plastico con formazione professionale in chirurgia transgender, la procedura è nota come chirurgia di “affermazione del genere” o “riassegnazione genitale”.  

    Gli uomini trans sono coloro che si sottopongono a una chirurgia da femmina a maschio. Poiché queste persone hanno genitali femminili, non possiedono una prostata prima dell’intervento. La prostata rimane assente anche dopo l’operazione visto che la procedura consiste per lo più nella conversione degli organi genitali femminili esistenti in parti maschili, compresi pene e testicoli. Visto che non hanno la prostata quindi, tali individui non sono in grado di avere questo tipo di orgasmo.

    Le donne trans sono persone che si sottopongono alla chirurgia da maschio a femmina. La procedura tipica per loro è una “vaginoplastica di inversione peniena”. Questa rimodella le parti primarie del pene in dimensioni femminili. Per queste persone, al contrario di quelle menzionate in precedenza, la prostata rimane in posizione in seguito all’intervento ed è una fonte importante di orgasmo. 

    La chirurgia della prostata influisce sull’orgasmo prostatico?

    Molte patologie interessano la prostata e richiedono il trattamento chirurgico, compreso il cancro alla prostata, l’infiammazione della prostata (prostatite) e l’iperplasia prostatica benigna, che vede un ingrossamento di questa ghiandola che si verifica tipicamente con l’avanzare dell’età. La prostatectomia, o la rimozione della ghiandola prostatica, è uno degli interventi chirurgici pelvici maschili più comuni. Questa operazione può comportare complicazioni come danni ai nervi e ai vasi sanguigni e, come minimo, la rimozione di un organo sessuale vitale maschile. I rischi potenziali di un intervento di prostata includono:

    • Disfunzione erettile: ovvero una perdita occasionale o completa delle erezioni.
    • Perdita delle contrazioni della prostata e delle vescicole seminali: la diminuzione della qualità dell’orgasmo può essere parzialmente spiegata dalla mancanza della sensazione di contrazione delle vescicole seminali e della prostata.
    • Perdita della capacità di eiaculare o presenza di eiaculazione dolorosa
    • Perdita di urina durante gli orgasmi: nota anche come “incontinenza associata all’orgasmo”. Questo problema può comportare una riduzione del piacere sessuale e dell’autostima.
    • Disturbo del desiderio sessuale: si tratta di un calo o una perdita del desiderio sessuale, forse a causa dell’impatto psicologico della malattia (cancro alla prostata) e del suo esito incerto.

    Questi effetti collaterali della chirurgia alla prostata influenzano l’organismo prostatico, quindi gli uomini che stanno prendendo in considerazione questa procedura dovrebbero essere aperti e onesti con i propri medici riguardo a qualsiasi potenziale effetto collaterale. Fortunatamente, i recenti progressi nei metodi chirurgici hanno ridotto in modo significativo i rischi associati alla funzione sessuale degli uomini.


    Riferimenti:

    1. Koeman, M., van Driel, M. F., Schultz, W. C., & Mensink, H. J. (1996). Orgasm after radical prostatectomy. British journal of urology, 77(6), 861–864. https://doi.org/10.1046/j.1464-410x.1996.01416.x
    2. Komisaruk B. R. (2010). The orgasm answer guide. Johns Hopkins University Press.
    3. Levin R. J. (2018). Prostate-induced orgasms: A concise review illustrated with a highly relevant case study. Clinical anatomy (New York, N.Y.), 31(1), 81–85. https://doi.org/10.1002/ca.23006
    4. Levin, Roy. (2004). An orgasm is … Who defines what an orgasm is?. Sexual and Relationship Therapy. 19. 101-107. https://doi.org/10.1080/14681990410001641663
    5. Lee, A., Gaither, T. W., Langston, M. E., Cohen, S. E., & Breyer, B. N. (2021). Lubrication Practices and Receptive Anal Sex: Implications for STI Transmission and Prevention. Sexual medicine, 9(3), 100341. https://doi.org/10.1016/j.esxm.2021.100341
    6. Verze, P., Cai, T., & Lorenzetti, S. (2016). The role of the prostate in male fertility, health and disease. Nature reviews. Urology, 13(7), 379–386. https://doi.org/10.1038/nrurol.2016.89

    Сommenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Utilizziamo i cookie per offrirvi la migliore esperienza online. Accettando, accettate l'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

    Close Popup
    Privacy Settings saved!
    Impostazioni

    Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


    Cookie tecnici
    Per utilizzare questo sito web utilizziamo i seguenti cookie tecnici.
    • wordpress_test_cookie
    • wordpress_logged_in_
    • wordpress_sec

    Rifiuta tutti i Servizi
    Save
    Accetta tutti i Servizi